Perchè il ritiro di CBOE degli ETF Bitcoin non ha scosso i mercati?

etf-bitcoin-sec

Quando è arrivata la notizia che CBOE aveva ritirato la sua richiesta di ETF Bitcoin per un cambio di regole da parte della SEC molti si aspettav che ano che il valore di BTC scendesse di qualche centinaio di punti e addirittura di ritestare $ 3200 .

Invece la notizia ha solo portato BTC a scendere di circa lo 0,91%.

Perché non c’è stato un “dumping” massiccio

Sono circolate molte notizie e teorie a riguardo

Quattro spiegazioni dominanti sono le seguenti:

  • Chiunque aveva preso in considerazione la possibilità di cattive notizie da parte della SEC e per i trader e gli investitori criptografici “duri a morire” non è la conditio sine qua non.

 
La decisione di CBOE ha avuto un effetto di mercato limitato, nel primo scenario anche perchè la chiusura del governo attualmente in corso verso BTC ha influito sulle funzioni di molte agenzie federali come la SEC e la CFTC.

Nel caso di quest’ultimo, la CFTC ha l’esclusiva autorità per determinare il futuro di Bakkt, che a mio avviso è quello che ha più probabilità di ottenerlo. 
Questo spiega quindi perché non c’è stata la vendita di panico.

  • Il secondo scenario indica l’indifferenza che molti trader o pseudo trader, perchè reputo che ci azzeccano poco, hanno per l’approvazione o il rifiuto di un ETF.

Ciò dipende dal fatto che il 2018 è stato contrassegnato dai mercati crittografici scossi da diversi respingimenti dell’ETF. Con il tempo,si è sviluppata un’immunità alle cattive notizie dalla SEC. C’è anche il fatto aggiunto che molti idealisti credono che Satoshi Nakamoto non intendesse coinvolgere Wall Street nelle funzioni di Bitcoin (e io sono uno di quelli)

  • Terzo, un altro lotto di future sui CMC Bitcoin scadrà domani, 25 gennaio. Il valore attuale di BTC e di altre criptovalute aveva già preso in considerazione in questo caso, pertanto il ritiro della CBOE non ha avuto un impatto sui mercati come previsto. Forse se la notizia fosse arrivata prima nel mese, ci sarebbe stata una seria vendita di panico. (anche se ci credo poco)
  •  La quarta teoria che è stata fatta è un’estensione della seconda: gli investitori hanno affrontato l’attuale mercato ribassista per oltre un anno e hanno sviluppato un’immunità alle cattive notizie. Quelli che ancora si scambiano o si aggirano hanno superato la tempesta e sono diventati immuni da qualsiasi notizia negativa esterna.

Cosa ne penso io?

Personalmente penso che BTC abbia raggiunto prezzi elevatissimi, quando ancora non si parlava neanche di ETF, quindi la variazione di prezzo di BTC non è dipesa, non dipende e non dipenderà mai da un ETF o un Future, ma da quello che succederà sull’adozione di massa, e da come si comporteranno le balene e gli exchange in tutto questo.

Bitcoin e la Blockchain sono nati per restare, si dovrà semplicemente decidere come, d’altronde quando un azienda nasce non pensa a come verrà valutata sul mercato ma ai benefici che potrà apportare al mercato stesso.

Disclaimer: questo articolo non ha lo scopo di dare consigli finanziari. Qualsiasi opinione aggiuntiva qui riportata è puramente quella dell’autore. Esegui le tue ricerche prima di investire in una delle numerose criptovalute disponibili. Grazie.

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.