I Governi possono vietare Bitcoin, ma questo non fermerà la sua adozione da parte delle persone

Ciò che sta accadendo in Marocco in questo momento lo dimostra ancora una volta.

È un pò di giorni che diverse persone mi mandano articoli su ipotetici BAN da parte dei governi nei confronti di Bitcoin.

L’articolo più postato è stato quello in cui si parlava del boss degli hedge fund Ray Dalio che ha lanciato un messaggio allarmante su Bitcoini governi probabilmente bandiranno presto il Bitcoin!

APRO PARENTESI “Che il Boss degli Hedge Fund, che sono fondi speculativi amministrati da società centralizzate, e quindi palesemente in crisi in un mondo che va verso la decentralizzazione, ipotizzi che Bitcoin, qualcosa di decentralizzato possa essere bannato, fa già ridere così.” CHIUDO PARENTESI

Il crescente successo di Bitcoin effettivamente sta spaventando sempre più i governi della maggior parte dei paesi del mondo.

Nelle principali economie del mondo, il pericolo sembra ancora remoto, quindi i leader politici si limitano ad attaccare Bitcoin con le parole senza andare oltre.

Nei paesi emergenti o nei paesi con regimi autoritari, le cose stanno già andando oltre.
Questo ha perfettamente senso perché, in questi paesi, Bitcoin è già una soluzione di pagamento quotidiana.

Bitcoin è già un piano A per milioni di persone, le valute locali vengono quindi gradualmente abbandonate a favore del Bitcoin, che offre molti vantaggi a queste popolazioni.

Ho parlato tante volte del Venezuela come esempio di paese che sta combattendo la sua Iperinflazione e i suoi embarghi economici già da anni con Bitcoin, e trovi qualche articolo qui.

I governi di alcuni paesi non possono sopportare tale concorrenza.

Con il successo di Bitcoin, molti governi reagiscono vietandone l’uso.

La loro risposta è spesso la stessa: minacce di divieto di uso e possesso di Bitcoin.

Ma invece alcuni paesi sono riluttanti a farlo perché ritengono che ciò giustificherebbe solo l’esistenza stessa di Bitcoin. Bitcoin è stato creato per restituire potere monetario alle persone e bandirlo significherebbe dimostrare che il problema che Bitcoin risolve sia reale, ed è perchè c’era un problema che è nato Bitcoin, altrimenti non sarebbe mai nato , non credi?

Molti politici, quindi, non vogliono correre il rischio di rendere Bitcoin ancora più popolare di quanto lo sia già.

Il problema con Bitcoin è insolubile per i politici di tutto il mondo, e sai perchè? Come si può vietare l’uso di un sistema di pagamento decentralizzato, di cui tutti ne sono proprietari ma nessuno è il Leader?

È semplicemente impossibile!

Mi dispiace per tutti gli Haters che “spammano” da giorni articoli su ipotesi di BAN a Bitcoin da parte dei Governi di tutto il Mondo, ma vorrei ricordare anche che sono già state realizzate soluzioni che consentono di continuare ad utilizzare la rete Bitcoin anche senza Internet.

In quanto tale, Bitcoin è antifragile e questo (secondo me) lo aveva capito anche Satoshi quando lo ha lanciato, la psicologia che si sarebbe creata dietro al Bitcoin sarebbe stata prevedibile, visto il periodo umano e socio /economico che si stava prospettando e si sta vivendo oggi.

Innanzitutto partiamo da una psicologia “spicciola”, a livello umano è importante capire che qualcosa proibita attrae ancora più persone, proibire l’uso di qualcosa spingerà più persone a farlo, ci sono già alcuni esempi di paesi che stanno o hanno vietato Bitcoin e sai cosa sta succedendo?

Il Marocco ha vietato Bitcoin nel 2017

Un buon esempio può essere visto in Marocco.

In questo paese nordafricano, solo il 29% degli abitanti ha accesso a un conto bancario secondo un rapporto della Banca mondiale del 2019, per i marocchini, un sistema di pagamento come Bitcoin, è quindi una necessità.

La Banca centrale del Marocco ha intrapreso ricerche per sviluppare la propria valuta digitale in futuro e dal 2017, il Marocco ha deciso di vietare Bitcoin e criptovalute sul suo territorio e chiunque fosse ritenuto colpevole di effettuare tali transazioni sarebbe stato severamente punito.

Sai cosa è accaduto in Marocco?

Nonostante i rischi sulle loro teste, i cittadini marocchini hanno continuato a utilizzare Bitcoin per le transazioni quotidiane.


“Puoi uccidere un rivoluzionario ma non potrai mai uccidere la rivoluzione.”

Fred Hampton

Quindi i governi possono perseguire e inseguire i rivoluzionari Bitcoin, ma non possono uccidere la rivoluzione pacifica di Bitcoin, ormai è diventata troppo grande.

Sebbene vietato in Marocco, Bitcoin continua a vedere una forte adozione

Tornando all’esempio del Marocco, i cittadini apprezzano la libertà finanziaria che Bitcoin offre loro, ma anche la privacy rispetto alle banche tradizionali, certo, tu dirai, ci sono alcune persone che vogliono solo fare profitti speculando con Bitcoin e altre criptovalute o fare altre porcate con qualcosa di poco controllabile, ma questo avviene anche oggi e con la (S)valuta Fiat creata da Banchieri e governanti i quali decidono anche di distruggere paesi a colpi di svalutazione e guerre economiche.

Tuttavia, è la possibilità di essere la propria banca che interessa la maggioranza dei marocchini, e già tre anni fa parlai di questo e di come le transazioni con Bitcoin possano essere paragonate a transazioni in contanti, ma senza il fastidio di creare conti bancari limitati dalla giurisdizione.

Tutto quello che devi fare è inviare bitcoin proprio come si darebbe via qualche euro per pagare il conto o come si farebbe con un baratto scambiando pane per frutta.

In un paese in cui solo un terzo della popolazione può accedere ai servizi bancari, Bitcoin è un ottimo strumento per l’inclusione finanziaria del maggior numero di persone, perchè tutto ciò di cui hai bisogno è uno smartphone e una connessione Internet per utilizzare Bitcoin.

I volumi di scambio in Marocco sulle piattaforme LocalBitcoins e Paxful sono aumentati costantemente dall’inizio del 2020.

Fonte Coindesk

Tra il 2019 e il 2020, LocalBitcoins è stata in grado di vedere un aumento dei volumi di scambio BTC P2P (peer to Peer, ossia fra persone) del 30% in Marocco.

Tra novembre 2017 e febbraio 2021, si tratta di un aumento del 215%, e il mese di febbraio 2021 rappresenta il miglior mese storico in Marocco su questa piattaforma, effettivamente sta funzionando il divieto di Bitcoin :)

Questo si collega a ciò che dico costantemente a chiunque mi chieda sempre (con articoli postati da sommi boss degli Hedge Fund terrorizzati) : Il divieto di Bitcoin non fermerà la sua adozione da parte delle persone.

Mentre Bitcoin è visto principalmente come una formidabile riserva di valore nel mondo occidentale, è già un mezzo di pagamento essenziale in questi paesi emergenti. Il fatto che i governi lo stiano vietando non cambia il bisogno vitale di queste persone per Bitcoin.

Alcune persone continuano a evangelizzare la gente sostenendo che quando Bitcoin diventerà una minaccia troppo grande per il sistema fiat, i governi faranno tutto il possibile per vietarlo.

Cazzate! Sonore Cazzate, solo propaganda che fa leggere paura nelle parole di chi lo dice.

L’esempio del Marocco, lo si può vedere in Nigeria o in Pakistan, e all’inizio lo si vide anche in Venezuela, che oggi invece vede Bitcoin come un sistema di pagamento che sta portando fuori dalla miseria milioni di persone e che mostra chiaramente che gli Stati Uniti, il Canada o l’Europa non avranno alcun interesse ad andare nella direzione di vietare Bitcoin.

Per proteggersi da questo tipo di divieto “mondiale” a Bitcoin basterà fare quello che ha sempre fatto, rimanere il sistema decentralizzato più sicuro al mondo, perchè è la decentralizzazione di Bitcoin che fa sì che i suoi utenti restino resistenti alla censura.

Ricorda che se i frutti del tuo lavoro saranno archiviati all’interno della rete Bitcoin, nessuno e dico nessuno, potrà mai dirti come usarli o potrà portarteli via per motivi arbitrari.

Conclusioni

Questo è ciò che tutti gli utenti di Bitcoin in questi paesi emergenti o regimi autoritari cercano prima di tutto, decentralizzazione e indipendenza economica, e questo è quello che chiunque viva invece nei paesi “industrializzati” e che ancora guardano solo Bitcoin a livello speculativo, devono sapere, e ricorda che ci vuole un. attimo affinchè un paese che oggi sia “democratico” diventi autoritario, o no?

Quindi puoi stare Sereno/a , finché Bitcoin avrà le proprietà fondamentali che ha oggi, nemmeno il divieto dei governi potrà impedirne l’adozione da parte del grande pubblico.

Una volta che una rivoluzione valutaria popolare come il Bitcoin e che parte realmente dal basso è in corso, non c’è modo di fermarla, e i potenti al timone dell’attuale sistema dovranno accettarlo e adattarsi, o rischiano di essere totalmente sorpassati e spazzati in futuro dalla rivoluzione Bitcoin.

La guerra sarà ancora ardua, proveranno a ostacolare in maniera “legaleBitcoin e il Dex, ma alla fine, se realmente capiremo la vera importanza di Bitcoin, e non avremo paura, questa onda sarà inarrestabile, ma per fare questo ragiona come se fossi una Formica e non una Cicala.

“Prima Ti Ignorano, Poi Ti Deridono, Poi Ti Combattono e infine Vinci!

Se mi vuoi seguire questi i miei canali social.

Blocksecrets™: Pagina dedicata alla divulgazione del mondo Fintech e Blockchain

Linkedin

Facebook

Instagram

PS: condividi questo articolo e salva più gente possibile.

Impegno per la trasparenza: l'autore di questo articolo ha investito e / o ha un interesse in uno o più beni discussi in questo post. Lorenzograssia.com non avalla alcun progetto o risorsa che potrebbe essere menzionata o collegata in questo articolo. Ti preghiamo di tenerne conto quando valuti il contenuto di questo articolo.
Disclaimer: le opinioni sono esclusivamente personali. Nessuna delle informazioni che si leggono sul lorenzograssia.com deve essere presa come consiglio di investimento, né lorenzograssia.com approva alcun progetto che possa essere menzionato o collegato in questo articolo. Comprare e scambiare criptovalute dovrebbe essere considerato un'attività ad alto rischio. Ti preghiamo di fare la tua dovuta diligence prima di intraprendere qualsiasi azione relativa ai contenuti di questo articolo. Infine, lorenzograssia.com non si assume alcuna responsabilità in caso di perdita di denaro nel commercio di criptovalute.

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.