Perché i Satoshi ora sono più importanti del Bitcoin

Cosa sono i Satoshi?

Recentemente, stavo organizzando uno dei miei eventi di “Introduzione a Bitcoin” programmati, e se conviene produrli e come poterli produrre , e di solito per spiegarmi meglio introduco il concetto di Bitcoin a persone che solitamente non l’hanno mai visto o capito prima.

Avendo gestito centinaia di questi eventi negli ultimi mesi e raggiunto direttamente molte persone , sono emerse costantemente alcune domande e obiezioni ricorrenti, esattamente come ci si aspetterebbe.

È interessante notare, tuttavia, che tali domande e obiezioni sono effettivamente cambiate con l’evoluzione del settore, che seguo dal 2012 con molta passione e costanza.

Sì, ci sono ancora (e probabilmente ci saranno sempre) domande sulla sicurezza, il passaggio tra valuta fiat e bitcoin, cosa lo supporta, come funziona esattamente e così via e sono, in effetti, le stesse identiche domande che ci siamo posti tutti, i non tecnici, come prima cosa quando abbiamo scoperto bitcoin la prima volta.

Sono domande che cercano una risposta per trovare rassicurazione e credibilità in quello che altrimenti sembrerebbe essere un “denaro strano” inventato su Internet da “chissà chi a caso” che ti sta dicendo che in realtà è “una cosa reale“.

Onestamente è quello che a prima vista bitcoin sembra a chi ci si avvicina con curiosità e diffidenza, e non lo biasimo neanche.

Ma negli ultimi mesi, una nuova obiezione / commento / domanda (chiamala come vuoi) è venuta in evidenza e di solito viene espressa sulla falsariga di:
Un bitcoin vale $ 58.000? È mooolto troppo costoso per me!

Spesso questa obiezione/commento/domanda include anche un’imprecazione, ma è altrettanto valida anche senza imprecazione :) .

In realtà, ovviamente, la stessa obiezione/commento/domanda
sappi che la sento da quando bitcoin era a $ 1.000, $ 10.000, $ 20.000 e ancora peggio quando poi crollò il prezzo di nuovo e al contrario e così via, un loop continuo, ma poiché l’equivalente in dollari è poi aumentato, è cresciuta ulteriormente la relativa incredulità degli individui che ora hanno l’opportunità di proteggere la propria ricchezza ma non lo fanno perchè 1 bitcoin costa troppo!

In breve, siamo tornati al mantra “questa nave è ormai salpata” o “questo treno è ormai partito” che, ovviamente, ho già sentito ogni anno e che sappiamo ormai essere una crudele illusione della nostra stessa creazione della realtà di quel momento perchè non crediamo a fondo a questa rivoluzione.

Quindi, in un momento in cui ora credo sinceramente che sia irresponsabile per chiunque non avere anche la più piccola esposizione a Bitcoin, come risolviamo questo problema?
La risposta è in realtà piuttosto semplice.

Non acquistare bitcoin!

Lo so che ti ho spiazzato con la risposta, ma non è irragionevole che qualcuno consideri un investimento di $ 58.000 nel “denaro magico di Internet” , che gli hanno appena spiegato, troppo alto e pensa che potrebbe essere un rischio troppo elevato, ma mi spiego meglio se hai pazienza di leggere ancora….. e ATTENZIONE che non sono quei per proporti il NUOVO BITCOIN KILLER, o super progetto che farà passare bitcoin per un carretto in legno, quindi ti potrei deluderti.

Se sei ancora qui, allora seguimi attentamente….

Sappi che oggi ci vuole molto impegno e risorse per “ottenere” 1 Bitcoin: è un grande cambiamento rispetto a tutto ciò che abbiamo mai avuto prima. Prima di spiegarti meglio ti pongo alcune domande.

Cosa succederebbe se quel livello di investimento potesse essere qualsiasi importo in euro?

Forse anche solo quei 20 euro che avresti speso per andare ad un McDonalds questo pomeriggio? È possibile? Ne varrebbe la pena?

Proprio come abbiamo euro e centesimi , un bitcoin può essere suddiviso in frazioni, chiamate “Satoshi” in onore del suo pseudo anonimo creatore, Satoshi Nakamoto.

Sono affettuosamente conosciuti come “Sats” in breve. (Non si sa se il plurale rimane “Satoshi” o diventi “Satoshis”)
Tuttavia, non ce ne sono solo 100 in un singolo bitcoin come potremmo aspettarci, ma ce ne sono 100.000.000. (Cento Milioni)

In altre parole, potresti, in teoria, possedere un minimo di 0,00000001 bitcoin che, nel momento in cui scrivo questo, ti costerebbe € 0.00048. (In realtà, numeri così piccoli non sono praticamente possibili, questi vengono mostrati semplicemente come punto di dimostrazione)
Poiché sappiamo che saranno disponibili solo 21 milioni di bitcoin, sappiamo anche esattamente quanti Satoshi saranno mai disponibili per l’intera popolazione del mondo da utilizzare, e quel numero è espresso così:
2.100.000.000.000.000.

ALT!!!! Prima che i puristi di Bitcoin mi correggano nel commento qui sotto e mi insultino, il numero “reale” di Satoshi è in realtà leggermente inferiore a 2.099.999.997.690.000, ma direi che il numero citato sopra (pronunciato “due quadrilioni di cento trilioni”) è abbastanza vicino alla realtà dei satoshi che potrebbero essere in circolazione alla fine dell’estrazione dell’ultimo bitcoin.

Improvvisamente, in ogni caso, abbiamo un numero che è in realtà è più grande della popolazione mondiale, rispetto al numero massimo di 21.000.000 che invece è inferiore alla popolazione di molti singoli paesi.

All’improvviso, abbiamo una risorsa che sembra più abbondante e conveniente. Eppure è la stessa risorsa, semplicemente presentata in modo diverso.

In effetti, quei € 20 che avremmo speso per andare a mangiare trash food da McDonald’s ora ti avrebbero dato 41,655 Sats al momento della scrittura secondo i vari calcolatori online gratuiti su web

https://awebanalysis.com/en/convert-satoshi-to-euro-eur/

In altre parole, se inquadrato in questo contesto, è un importo infinitamente conveniente per chiunque. Ma significa davvero qualcosa?

Bitcoin in passato

In passato, “bitcoin” – la misura principale – era del tutto appropriato come unità di misura perché il suo valore era così basso che l’uso di Satoshi sarebbe stato ridicolo.
Ad esempio, il 22 maggio 2010, la prima transazione bitcoin conosciuta nel “mondo reale” si è verificata quando il programmatore Laszlo Hanyecz ha offerto 10.000 bitcoin per acquistare due pizze di Papa John. Al momento del completamento della transazione, le pizze valevano $ 25, il Bitcoin dato era di circa $ 41.

Ciò significa che bitcoin all’epoca valeva circa $ 0,0041, rendendo ogni Satoshi un numero così piccolo che la mia calcolatrice deve rappresentarlo così: 4.1000000E-11

In altre parole, quella transazione sarebbe costata 1.000.000.000.000 di Satoshi, un numero così grande che è semplicemente poco pratico scrivere e parlarne in modo significativo.
L’uso della misura superiore era del tutto appropriata a quei tempi, che poi dire a quei tempi mi fa sorridere, parliamo di 10 anni fa circa :)

In effetti, Bitcoin aveva un valore così basso e la comunità era così desiderosa di creare un ecosistema, che venivano dati gratuitamente in siti come “The Bitcoin faucet” dove si potevano guadagnare fino a 5 Bitcoin gratuiti quando si visitava, l’equivalente a $ 290.000 oggi.

Tuttavia, solo nove mesi dopo l’acquisto della pizza da parte di Hanyecz, il bitcoin raggiunse la parità con il dollaro e nel quinto anniversario (ora parte permanente della tradizione di Bitcoin noto come “Bitcoin Pizza Day”), raggiunse circa i $ 240.

In altre parole, erano necessari a quei tempi solo 0,1 bitcoin per effettuare lo stesso acquisto.

Bitcoin nel presente

Oggi bastano solo circa 0.00043103 bitcoin per fare quell’acquisto.

Forse è più facile dire invece 43.103 Satoshi?

Eppure, anche quel numero sembra ancora un po’ strano. A meno che tu non viva in un paese ad altissima inflazione come lo Zimbabwe di un tempo, la Turchia, il Venezuela ecc., Non siamo abituati a pagare migliaia di dollari per una pizza.

Ma oggi, qui nel 2021, stiamo iniziando un periodo di transizione, e mentre bitcoin rimane il numero principale per ora, i prezzi in Satoshi non sono ancora rari.

Bitcoin nel futuro

A puro titolo di esempio, supponiamo che Bitcoin continui lungo la sua attuale traiettoria di crescita.
Anche prendendo il numero più alto stimato di utenti, lo scenario migliore è che solo l’1,5% della popolazione globale lo utilizza attualmente, sebbene cresca ogni giorno.

Cosa succederà quando raggiungerà il 3%? o il 5% o anche il 10%?

Ovviamente, è impossibile prevedere il risultato in quanto ci sono così tante variabili, ma è giusto dire che c’è un motivo per un continuo aumento del tasso di cambio del dollaro/euro per Bitcoin per molte ragioni.

Stando così le cose, i numeri che sembravano assolutamente ridicoli alcuni anni fa sono ora, almeno in teoria, possibili.

Andando avanti veloce di qualche anno, è anche possibile che gli stessi Satoshi possano un giorno raggiungere la parità con il dollaro? È un pensiero incredibile, ma fattibile, d’altronde te lo saresti aspettato 1 Bitcoin = $ 63.000?

Ma anche molto prima, i prezzi in Satoshi potrebbero diventare la norma poiché l’uso di frazioni di bitcoin non avrebbe senso.
Un caffè potrebbe essere, ad esempio, 2 Sats, non 0,00000002 bitcoin.
Un nuovo telefono potrebbe essere 3500 Sats.
Una casa molto elegante, potrebbe valere 1 Bitcoin.
Parleremo in Satoshi così come oggi parliamo di euro o centesimi di euro?

Secondo me si e inizieremo a parlare presto di potere di acquisto in bitcoin e non di termine di paragone su euro o dollaro (ma naturalmente è solo una mia opinione personale da appassionato e non da esperto trader, che non sono neanche)

Conclusione

In questo momento, il Satoshi è come era Bitcoin nei primi anni del 2010. Sembrano abbondanti e di valore molto basso, ma è un’altra illusione, come dico da tempo a molte persone che collaborano con me in un progetto legato a bitcoin, quello che oggi ti sembra basso a medio e lungo termine sarà tantissimo, bisogna solo avere visione.
La cosa certa è che il bitcoin, nel suo insieme o suddiviso in minuscoli elementi, è la risorsa più scarsa al mondo e una volta esaurita la fornitura, si esaurirà per sempre.

Possedere QUALSIASI parte di bitcoin potrebbe essere una mossa molto saggia.

La realtà è che la maggior parte di noi semplicemente non avrà a che fare con Bitcoin in futuro, sarà semplicemente troppo scarso e troppo prezioso. Invece, useremo Satoshi e Bitcoin diventerà un termine vago quasi leggendario, usato per valutare progetti e risorse molto grandi.

In questo momento, tuttavia, sono incredibilmente economici, ed evitare quel panino del McDonalds per 45.000 Satoshi potrebbe essere una delle mosse più sagge che tu possa fare.

E questo è un bel pensiero e se vuoi contattarmi o seguirmi nei miei deliri puoi farlo sui miei canali ufficiali che trovi di seguito, nel frattempo ti auguro il meglio sempre.

Blocksecrets™: Pagina dedicata alla divulgazione del mondo Fintech e Blockchain

Linkedin

Facebook

Instagram

Impegno per la trasparenza: l'autore di questo articolo ha investito e / o ha un interesse in uno o più beni discussi in questo post. Lorenzograssia.com non avalla alcun progetto o risorsa che potrebbe essere menzionata o collegata in questo articolo. Ti preghiamo di tenerne conto quando valuti il contenuto di questo articolo.
Disclaimer: le opinioni sono esclusivamente personali. Nessuna delle informazioni che si leggono sul lorenzograssia.com deve essere presa come consiglio di investimento, né lorenzograssia.com approva alcun progetto che possa essere menzionato o collegato in questo articolo. Comprare e scambiare criptovalute dovrebbe essere considerato un'attività ad alto rischio. Ti preghiamo di fare la tua dovuta diligence prima di intraprendere qualsiasi azione relativa ai contenuti di questo articolo. Infine, lorenzograssia.com non si assume alcuna responsabilità in caso di perdita di denaro nel commercio di criptovalute.

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.