Facebook e la blockchain

facebook-e-la-blockchain

Facebook e la Blockchain

All’inizio di quest’anno, Facebook e altri importanti siti di social media hanno vietato tutti gli annunci relativi alla criptovaluta sulle loro piattaforme. Annunciato il 26 giugno 2018, Facebook sta aggiornando la sua politica pubblicitaria e consentendo la promozione di determinati prodotti e servizi di criptovaluta.

Facebook inizia a riconoscere la crittografia legittima

Nel gennaio 2017, Facebook ha condotto una serie di divieti di annunci di criptovaluta che hanno impedito il marketing di prodotti ICO e criptovaluta e attività commerciali su Google, Twitter e Snapchat.

Nel loro divieto originale sulla pubblicità di criptovaluta, Facebook ha dichiarato in un post sul blog di rivedere le proprie politiche al variare delle condizioni:

Questa politica è intenzionalmente ampia mentre lavoriamo per individuare meglio le pratiche pubblicitarie ingannevoli e fuorvianti … Rivedremo questa politica e  le applicheremo man mano che i nostri segnali migliorano“.

Con l’interesse istituzionale e lo sviluppo della regolamentazione in aumento, il magnate dei social media ha riconosciuto la legittimazione della criptovaluta e sta invertendo il suo divieto internazionale di annunci crittografici per gli inserzionisti pre-approvati.

Nel post del blog che annuncia le politiche aggiornate di Facebook, si afferma:

Negli ultimi mesi, abbiamo esaminato il modo migliore per perfezionare questa norma, per consentire la pubblicazione di alcuni annunci e per garantire che siano sicuri. Pertanto, a partire dal 26 giugno, aggiorneremo le nostre norme per consentire la pubblicazione di annunci che promuovono la criptovaluta e i contenuti correlati dagli inserzionisti pre-approvati.

Attraverso un nuovo processo di screening, Facebook valuterà l’idoneità degli inserzionisti sulla base di informazioni aziendali pubbliche, licenze pertinenti e scambi di schede per prevenire future truffe e marketing ingannevole sulla piattaforma.

Sebbene i prodotti e i servizi relativi alla Criptovaluta siano consentiti su Facebook, la promozione di ICO e opzioni binarie è ancora proibita.

Nel post pubblicato il 26 giugno, il Product Management Director Rob Leathern afferma:

“Date queste restrizioni, non tutti quelli che vogliono fare pubblicità potranno farlo. Ma ascolteremo il feedback, osserveremo come funziona questa politica e continuiamo a studiare questa tecnologia in modo che, se necessario, possiamo modificarla nel tempo. “

Facebook e la blockchain

All’inizio di maggio, Facebook ha lanciato un’iniziativa sperimentale di blockchain guidata dall’ex capo di Facebook Messenger e membro del consiglio di Coinbase, David Marcus.

Il gruppo blockchain ha riunito un piccolo team di ingegneri  da Instagram e altre divisioni di Facebook per trovare soluzioni decentralizzate ai problemi di riservatezza dei dati.

Con questo aggiornamento del settore in materia di politica pubblicitaria, non è noto se altri siti, come Twitter e Google, seguiranno e annulleranno il loro divieto di annunci crittografici.

Conclusioni

Anche i social iniziano a comprendere l’importanza della crittografia e della blockchain, chissà se facebook abbia intenzione di entrarci a due piedi?

Secondo me si, risolverebbe un bel pò di problemi su privacy e dati sensibili.
In ogni caso staremo a vedere con molta curiosità, nel frattempo se vuoi comprendere ancora a pieno la potenzialità della blockchain e capire come poter sfruttare al meglio questo 2018 ti invito a prendere più Informazioni da Qui.

Disclaimer: le opinioni sono esclusivamente personali. Nessuna delle informazioni che si leggono sul lorenzograssia.com deve essere presa come consiglio di investimento, né lorenzograssia.com approva alcun progetto che possa essere menzionato o collegato in questo articolo. Comprare e scambiare criptovalute dovrebbe essere considerato un'attività ad alto rischio. Ti preghiamo di fare la tua dovuta diligence prima di intraprendere qualsiasi azione relativa ai contenuti di questo articolo. Infine, lorenzograssia.com non si assume alcuna responsabilità in caso di perdita di denaro nel commercio di criptovalute.
Impegno per la trasparenza: l'autore di questo articolo ha investito e / o ha un interesse in uno o più beni discussi in questo post. Lorenzograssia.com non avalla alcun progetto o risorsa che potrebbe essere menzionata o collegata in questo articolo. Ti preghiamo di tenerne conto quando valuti il contenuto di questo articolo.

 

 

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.