Blockchain prima, durante e dopo?

blockchain-ethereum-bitcoin copia

La Blockchain quando la conosci comprendi che il valore attuale sia davvero Sottostimato.

Bitcoin, l’archetipo della blockchain, ha intrapreso per dieci anni una guerra tecnologica contro la finanza aziendale e statale. Eppure, per tutte le teste che oggi sono impegnate nell’affrontare una tale sfida, la blockchain nasce per risolvere un problema molto più elementare.

Forse Non Sai Che….

La genesi della Blockchain

Nessuno si inventa nulla , e devi sapere che quello che oggi conosci o disconosci della Blockchain nasce negli anni ’90 e nasce da uno studio condotto da un Fisico Americano (Scott Stronetta)  e un Matematico (Stuart Haber)

Quando Stornetta terminò il dottorato a Stanford alla fine degli anni ’80, il fisico andò al di là dell’infrastruttura informatica infallibile dell’epoca e immaginò un mondo in cui la documentazione e i dati esistessero puramente in forma elettronica.

In quel mondo digitale avanzato, inevitabile, ma non così lontano, vide anche qualcosa che alla fine sarebbe diventato la sua sfida  – un “enorme problema” che avrebbe richiesto decenni per essere chiamato con il suo vero nome. Nel 1989, dichiarò:

Se non possiamo distinguere un vecchio documento da un nuovo documento o uno modificato da uno originale, saremo nei guai reali come società. E così, ho capito che ci sarebbe stata la necessità di creare record immutabili a prova di manomissione nelle cifre stesse.

E quando Stornetta trovò nella crittografia una parte della risposta, il fisico cercò rapidamente l’aiuto di un matematico e collaboratore di lunga data Stuart Haber – e della sua collezione di crittografi alla Bell Communications Research.

La Blockchain: una “cospirazione” globale

Il gruppo di studiosi in pochi mesi escogitò una soluzione praticabile, con grande insoddisfazione però di Stornetta, perchè il loro nuovo sistema era basato sulla fiducia.

Il fisico era già alla ricerca di un’architettura senza fiducia, ora considerata uno dei principi fondamentali della blockchain, eppure Haber, da vero accademico, suggerì di dimostrare per primo perché la fiducia fosse una componente essenziale di ogni soluzione.

Quello che seguì avrebbe fatto la storia.

La coppia si è resa conto che, poiché ogni intermediario veniva inserito nel sistema per prevenire la collusione tra le parti esistenti, bisognava aggiungere sempre più intermediari.

La risposta migliore, per Stornetta, era un coinvolgimento globale in cui tutti i partecipanti alla vita convalidavano la fiducia:

“L’unico modo per risolverlo sarebbe stato avere una cospirazione che coinvolgesse tutti nel mondo, e poi ho capito che era in realtà la soluzione. Che questi dischi ampiamente distribuiti, in cui tutti diventano testimoni, in sostanza, hanno risolto il problema”.

Dopo aver continuato a generare il prototipo della  blockchain, è stato coautore della nota rivista accademica citata nel white paper di Bitcoin: How to Time-Stamp a Digital Document , Stornetta ha coltivato una sorta di stato divino tra i sostenitori della blockchain, a cui avrebbe impartito alcune parole di saggezza.

Raggiungere il consenso

Evidentemente Nakamoto era innamorato dell’approccio di Stornetta e Haber e al loro studio di quel tempo, eppure il cervello di Bitcoin perfezionava il loro approccio a formare un consenso che sostituiva “un uomo, un voto” per l’ormai algoritmo per eccellenza, Proof of Work (PoW) – o come ha spiegato Stornetta, “una CPU,  un voto”.

E mentre Stornetta era in “onesta ammirazione” del creatore di Bitcoin, non era del tutto sicuro che Bitcoin fosse l’ultima blockchain.

La natura filosoficamente decentralizzata del consenso al mining di Satoshi, ha spiegato, era stata messa a repentaglio da Farm Industriali di Mining Pool che catturavano enormi quantità di ricompense per i blocchi, tutto  mano a mano che il consumo di risorse della rete saliva alle stelle. A tal fine, ha osservato:

“Possiamo avere così tanto dal beneficio della blockchain senza i meccanismi di consenso onerosi di oggi come li vediamo attualmente in gioco “.

Per avanzare verso il suo ideale consenso – in cui il costo diventa trascurabile per il sistema – Stornetta pone tre domande agli architetti blockchain progressisti; domande a cui una volta risposto avrebbe creduto di aprire uno “spazio di progettazione enormemente grande per l’innovazione”.

“Dove dovrebbe essere fatto il calcolo?
Chi dovrebbe avere il governo?
Chi dovrebbe essere incentivato e per cosa? “

Steemit, ad esempio, ha adottato un approccio “molto più umano-compatibile” rispetto al PoW nei libri di Stornetta; offrire un’alternativa, facendo votare gli utenti sul valore aggiunto degli altri partecipanti.

Il futuro delle economie decentralizzate

Con 2.100 criptovalute quotate, molti fautori della blockchain sanno che avverrà un’ esplosione delle cripto, ampiamente prevista, simile al bubble-burst di dot-com.

Ma “il verdetto ” sui vincitori c’è già, le criptovalute attuali o emergenti diventeranno “sempre più redditizie” dato che, letteralmente, iniziano a dare alle banche centrali un’autostrada per i loro soldi.

Le criptovalute sono come un kit di riserva federale fai-da-te. E qualcuno lo farà bene.

Stornetta, sempre un accademico imparziale, non sembrava parziale nel scegliere i potenziali campioni, ma ha dato il via ai token di sicurezza come la versione “di prossima generazione” dell’attuale criptovaluta.

Tuttavia, non bisogna accogliere tutti a bordo nel carrozzone blockchain.

Ad esempio dovrebbero restarne fuori chiunque cerchi di utilizzare la tecnologia per reinventare la ruota, o forse più impunemente copiare e incollare soluzioni centralizzate sulla blockchain e snaturalizzarne la sua filosofia

Il vero problema è: come posso creare valore? Non: come faccio a ottenere un miliardo di persone per fare qualcosa? 

Di conseguenza la vera domanda è: Questo progetto crea valore reale? Non : Come faccio a fare un per 100 da questa moneta.

C’è bisogno di continuare a innovare, dando approvazione e supportando  sforzi come la rete di Bitcoin’s Lightning e lo sviluppo apparentemente interminabile di Ethereum – entrambi i quali estenderebbero il loro dominio sui concorrenti meno Puri, distruggendoli definitivamente.

Il Sole e la Luna  riusciranno a decentralizzare il mondo?

Lo scopriremo solo vivendo, nel frattempo osservo questo mondo affascinato dal suo enorme potenziale e provo nel mio piccolo a far comprendere quanto sia importante il sistema decentralizzato per riacquistare libertà.

Il mondo va cambiato non è più scalabile.

Impegno per la trasparenza: l'autore di questo articolo ha investito e / o ha un interesse in uno o più beni discussi in questo post. Lorenzograssia.com non avalla alcun progetto o risorsa che potrebbe essere menzionata o collegata in questo articolo. Ti preghiamo di tenerne conto quando valuti il contenuto di questo articolo.
Disclaimer: le opinioni sono esclusivamente personali. Nessuna delle informazioni che si leggono sul lorenzograssia.com deve essere presa come consiglio di investimento, né lorenzograssia.com approva alcun progetto che possa essere menzionato o collegato in questo articolo. Comprare e scambiare criptovalute dovrebbe essere considerato un'attività ad alto rischio. Ti preghiamo di fare la tua dovuta diligence prima di intraprendere qualsiasi azione relativa ai contenuti di questo articolo. Infine, lorenzograssia.com non si assume alcuna responsabilità in caso di perdita di denaro nel commercio di criptovalute.

Abbiamo portato il mining ad un livello superiore a cui tutti possono accedere con semplicità e grandi vantaggi. 🔝Grazie a SWAG anche tu puoi unirti ed essere un miner a tutti gli effetti. ⛏⛏⛏

Scopri come essere tra i primi

👉🏻CLICCA QUI PER INFO👈🏻

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.