Ethereum: tasso di inflazione ETH inferiore a quello di bitcoin.

Tempo di lettura 2 Minuti e 18 Secondi (se leggi in relax)

Il tasso di inflazione dell’Ether potrebbe precipitare a valori inimmaginabili.

Partiamo dal presupposto che fra circa un anno ci sarà il terzo halving di Bitcoin che porterà il premio di mining al dimezzamento, infatti in questo momento il premio per la convalida dei nodi è di 12,5 BTC che passerà a 6,25.

Già così Bitcoin è un sistema anti inflazione perfetto, con un dimezzamento sistemico diciamo che la riduzione dell’inflazione potrebbe aumentare ancora di più.

(APRO PARENTESI) Cosa è l’inflazione?

L’inflazione nella valuta fiat implica generalmente un aumento dei prezzi di beni e servizi in contemporanea ad una riduzione il potere d’acquisto di quella valuta. Quando il prezzo di un prodotto aumenta nel tempo e la quantità e la qualità rimangono invariate, allora si parla di inflazione.

L’aumento dell’offerta di moneta al di sopra della sua produzione reale porta all’inflazione , questo è il motivo per cui gli economisti credono che la stampa del denaro causi inflazione.

Quando c’è più denaro in circolazione e la quantità e la qualità dei beni prodotti non cambiano, ci sarà più denaro disponibile per le persone ad acquistare tali beni, ma così facendo, ci sarà più richiesta per i prodotti che potrebbero aumentare i loro prezzi.

Il tasso di inflazione di Bitcoin potrebbe scendere al di sotto del 2% all’anno, dopo l’halving previsto fra circa un anno.

Ingegnosamente Satoshi Nakamoto, il creatore di Bitcoin, ha progettato la criptovaluta per avere un tasso di inflazione stabile simile a quello dell’oro.

Il fatto che solo 21 milioni di BTC possano esistere ne ha fatto una risorsa scarsa. Come tale, la scarsità e l’elevata domanda porterebbero ad un aumento del prezzo del Bitcoine ad una conseguente diminuzione del suo tasso di inflazione.

A luglio dello scorso anno, il tasso di inflazione di Bitcoin era solo del 4,25%. Si prevede ora di scendere al di sotto del 2% annuo negli anni a venire, dato che il mining diventa più difficile e vengono create meno monete. (halving di Bitcoin)

(CHIUSA PARENTESI)

Mettiamo le cose in chiaro

Le criptovalute, che si tratti di Bitcoin, Ethereum o altro (decentralizzato), hanno dei tassi di inflazione. E vista la fornitura più bassa, Bitcoin rimane da sempre un punto di riferimento per altre criptovalute per cercare di raggiungerlo o superarlo, d’altronde senza BTC non ci sarebbe nulla oggi, un pò come senza energia elettrica non ci sarebbe neanche la Blockchain.

Alcuni sostengono che le risorse digitali che non corrispondono al tasso di inflazione di Bitcoin, che attualmente si aggira intorno al 3,5% (superiore a quello del 2% dell’inflazione USA), sia inferiore e non abbia la capacità di diventare una valida forma di moneta digitale per soppiantare la valuta Fiat.

Anche per Ethereum, che molti Massimalisti di Bitcoin hanno sempre criticato anche per la mancanza di un limite di offerta applicato in modo matematico e per il suo tasso di emissione in continua evoluzione, le cose potrebbero presto cambiare.

Secondo un recente rapporto di CoinTelegraph, il gruppo principale di sviluppatori di Ethereum che lavorano sull’aggiornamento di Serenity sta cercando di ridurre drasticamente la quantità di ETH emessa.

In effetti, Justin Drake, un ricercatore presso la Fondazione Ethereum, ha spiegato che il tasso di inflazione di Ethereum (ora tra il 4% e il 5% circa) potrebbe essere ridotto di oltre il 90% entro marzo 2021.

Ha dichiarato:

“Ecco una possibile cronologia (probabilmente le date sono assolutamente sbagliate!) Evidenziando le tappe fondamentali: Gennaio 2020: lancio della Beacon Chain. Giugno 2020: i clienti di eth2 light sono pronti per la produzione. Novembre 2020: eth1 fork # 1 per avere la sua regola di scelta dei fork e le finalità da rispettare eth2 (prudenzialmente, nessuna emissione ridotta). Marzo 2021: eth1 fork # 2 per ridurre l’emissione di 10 volte. “

Cit Justin Drake

Tale riduzione dipende, ovviamente, dalla volontà dei membri della comunità (i minatori, soprattutto) di accettare Ethereum 2.0, il primo massiccio aggiornamento della blockchain che porrà fine al POW , influenzando la vita di alcuni fondi e aziende che stanno minando, questo potrebbe essere un ostacolo, anche se non lo vedo così forte, visto che passando al POS potrebbero sempre diventarne validatori.

Serenity serve per creare una ” blockchain di prossima generazione “che sarà centinaia di volte più veloce e scalabile rispetto all’attuale Ethereum.

Secondo un utente di Twitter che utilizza “Token State”, questa riduzione ridurrà l’inflazione di Ethereum allo 0,5%, che è, per molti standard, estremamente basso e persino trascurabile da una prospettiva a breve termine.

Questo valore è così basso che, dal punto di vista delle percentuali pure, verrà emesso meno Ethereum rispetto al Bitcoin, anche dopo l’auspicabile evento di dimezzamento del 2020.

In altre parole, finché la domanda di ETH viene mantenuta così o addirittura cresce, l’aggiornamento pianificato dovrebbe essere pazzesco per il prezzo.

Questa notizia arriva poco dopo che la fase zero di Ethereum 2.0 ha visto il suo primo congelamento delle specifiche del codice, di cui si prevede il lancio della versione completa entro il 2020.

Disclaimer: le opinioni sono esclusivamente personali. Nessuna delle informazioni che si leggono sul lorenzograssia.com deve essere presa come consiglio di investimento, né lorenzograssia.com approva alcun progetto che possa essere menzionato o collegato in questo articolo. Comprare e scambiare criptovalute dovrebbe essere considerato un'attività ad alto rischio. Ti preghiamo di fare la tua dovuta diligence prima di intraprendere qualsiasi azione relativa ai contenuti di questo articolo. Infine, lorenzograssia.com non si assume alcuna responsabilità in caso di perdita di denaro nel commercio di criptovalute.
Impegno per la trasparenza: l'autore di questo articolo ha investito e / o ha un interesse in uno o più beni discussi in questo post. Lorenzograssia.com non avalla alcun progetto o risorsa che potrebbe essere menzionata o collegata in questo articolo. Ti preghiamo di tenerne conto quando valuti il contenuto di questo articolo.

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.