New York dà a Coinbase la luce verde per offrire la custodia crittografata regolata

coinbase

Coinbase ha compiuto un’altra mossa pionieristica nel pantano normativo che è la criptovaluta.

La società ha annunciato oggi che la sua ala istituzionale, Coinbase Custody Trust Company, ha ricevuto l’approvazione dei regolatori dello Stato di New York per operare come “Custode qualificato indipendente”.

Quando nacque Coinbase nel 2012, mi ricordo che pensai, questi andranno avanti bene e creeranno un Brand potentissimo fra gli exchange, pur listando all’inizio  solo Bitcoin e poi successivamente anche Ethereum e partendo con pochissimi asset, nel tempo ha fatto sempre le mosse giuste per tranquillizzare le Istituzioni.

Oggi Coinbase è arrivato a fare quello che mi sono immaginato fin dall’inizio.

Dopo aver annunciato di essersi alleati con Circle per lanciare il dollaro digitale USDC, arriva la nuova bomba.

Soltanto ieri Coinbase ha fornito un importante marchio di approvazione a uno dei numerosi “stablecoins” di criptovaluta lanciati in dollari che cercano di soppiantare il tether (USDT) come leader in questa fiorente nicchia di mercato.

I clienti di Coinbase in tutto il mondo possono inviare e ricevere il token, che è supportato da dollari fisici archiviati in conti bancari controllati dall’azienda, mentre i clienti degli Stati Uniti, esclusi quelli di New York, possono acquistare e vendere il token su Coinbase.com. USDC non è attualmente quotato su Coinbase Pro sebbene la società affermi che verrà aggiunto a questa piattaforma “nelle prossime settimane”.

Coinbase ha anche osservato che gli stablecoins come l’USDC sono ideali per gli affari e le applicazioni di e-commerce, in quanto i pagamenti denominati in questi token possono essere effettuati in qualsiasi momento della giornata senza i rischi intrinseci di volatilità dei prezzi associati all’uso di bitcoin e altre criptovalute come capitale circolante.

Coinbase aveva già stretto una partnership con Circle per costruire la tecnologia alla base dell’USD, che è strutturata come un token ERC-20 sulla rete Ethereum, sebbene l’intera portata del coinvolgimento di  non fosse stata precedentemente resa pubblica.

Coinbase da oggi può operare come depositario qualificato

Un depositario qualificato opera in modo simile a una banca, tanto che a volte viene definito “banca depositaria”, in quanto è autorizzato a detenere denaro per altre persone. In generale, lo scopo di un custode è di ridurre al minimo il furto e / o la perdita di fondi.

Coinbase è tra le prime aziende di criptovalute a raggiungere questo status, con BitGo che ha recentemente ricevuto l’approvazione dalla South Dakota Division di Banking per operare anche come depositario qualificato.

Coinbase Custody Trust Company è legalmente una società separata da Coinbase. Ciò significa che i fondi e i conti saranno organizzati separatamente dal capitale e dai fondi esistenti detenuti da Coinbase.

La mossa non influisce sugli utenti giornalieri dei prodotti Coinbase, sebbene i titolari più grandi possano scoprire di avere a disposizione nuove opzioni e prodotti nei prossimi mesi. Resta da vedere se Coinbase cercherà l’approvazione di altre giurisdizioni, come l’UE, per licenze simili. Secondo l’annuncio del Dipartimento dei Servizi Finanziari di New York, l’azienda è anche legalmente autorizzata a proteggere i beni criptati.

Secondo Coinbase, questa è un’aggiunta importante per i loro clienti, la maggior parte dei quali usa l’azienda per assicurarsi che stia legalmente effettuando transazioni nello spazio di criptovaluta. Sul loro blog, la società ha scritto:

“Per i nostri clienti, operare in una società fiduciaria dello Stato di New York è più di una nuova licenza: è un importante elemento di chiarezza normativa che ci consentirà di archiviare in modo conforme più risorse e aggiungere nuove funzionalità come il picchettamento”.

La parola chiave qui è conformità.

Mentre molti nella comunità dei Bitcoin continuano a criticare il modello di business della “banca Bitcoin” o l’afflusso di operatori finanziari tradizionali nello spazio crittografico, molti nuovi convertiti e persone interessate alla criptovaluta hanno un timore molto maggiore di rappresaglie da parte del governo per l’uso non regolamentato di criptovalute.

La mossa aggiunge anche un certo grado di responsabilità a Coinbase in termini di possesso di una grande quantità di valuta: con i nuovi servizi che possono offrire ai clienti più grandi, ora hanno anche una nuova gamma di sanzioni e angoli investigativi a cui sono aperti.

La Criptovaluta Non è più una risorsa marginale

Non molti anni fa, investire in Bitcoin era ampiamente considerato o avventato, o eccessivamente idealista o addirittura stravagante.

Oggi, tuttavia, non esiste un’importante società finanziaria né un’entità che non abbia preso in considerazione di spostarsi in questo settore. La maggior parte  delle istituzioni ha piani attivi per affrontare la nuova realtà: le blockchain sono qui per rimanere, e le pedine che le alimentano sono di grande valore.

Gente come il veterano banchiere Jamie Dimon, o l’economista Roubini possono continuare a denigrare le criptovalute mentre stanno tranquillamente strategizzando per trarne profitto, ma la moneta intelligente di oggi va oltre quello che pensano oggi in pochi.

Coinbase, come detto, sin dal suo inizio, ha capito che cosa potrevano preferire i cypherpunk e cosa minimizzare o ignorare: Bitcoin e le altre criptovalute hanno le migliori possibilità di sopravvivenza rispetto alla valuta tradizionale Fiat, e anche i Governi se ne stanno rendendo conto. L’istituzione e il licensure di Coinbase Custody sono solo l’ultima mossa della compagnia in linea con questo realismo filosofico.

Sono un cultore e purista della Blockchain, ma se questo è il prezzo da pagare affinchè le cariatidi siano serene, ci sta, nel frattempo sappi che in blockchain puoi operare tranquillamente da solo/a e non hai bisogno di affidarti ad istituzioni finanziarie o banche per detenere le tue altcoin, devi solo essere in grado di farlo.

 

!!! UN REGALO PER TE !!! SCARICA GRATUITAMENTE IL REPORT
” 7 Modi SCONOSCIUTI per Guadagnare con le Criptovalue”

Impegno per la trasparenza: l'autore di questo articolo ha investito e / o ha un interesse in uno o più beni discussi in questo post. Lorenzograssia.com non avalla alcun progetto o risorsa che potrebbe essere menzionata o collegata in questo articolo. Ti preghiamo di tenerne conto quando valuti il contenuto di questo articolo.
Disclaimer: le opinioni sono esclusivamente personali. Nessuna delle informazioni che si leggono sul lorenzograssia.com deve essere presa come consiglio di investimento, né lorenzograssia.com approva alcun progetto che possa essere menzionato o collegato in questo articolo. Comprare e scambiare criptovalute dovrebbe essere considerato un'attività ad alto rischio. Ti preghiamo di fare la tua dovuta diligence prima di intraprendere qualsiasi azione relativa ai contenuti di questo articolo. Infine, lorenzograssia.com non si assume alcuna responsabilità in caso di perdita di denaro nel commercio di criptovalute.

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.