Tutto quello che non vogliono che tu sappia su EOS.

eos-blockchain-ethereum-bitcoin-blockchain-centralizzata

EOS una blockchain Oscura?

Se mi aveste detto l’anno scorso che una startup senza un prodotto avrebbe raccolto oltre $ 4 miliardi, probabilmente non ci avrei creduto. In effetti, lo trovo ancora difficile da credere. Tuttavia, EOS, una startup blockchain senza un prodotto, è riuscita a fare proprio questo.

Tutto sulla piattaforma, che si conosce oggi, suona molto bene sulla carta. Tuttavia, la verità è spesso meno rosea come sembrerebbe.

Ho già scritto un articolo in cui ho parlato di Ripple, affermando che non sia una criptovaluta, oggi voglio invece parlare di Eos, per chiarire che non sia una blockchain!

ATTENZIONE: l’articolo non è denigratorio per EOS e non vuole intendere che sia una Scam o un progetto poco serio, ma vuole solo evidenziare che EOS non sia una blockchain Decentralizzata e che abbia alcuni punti oscuri.

Innanzitutto devi sapere che EOS differisce da Ethereum e Bitcoin in molti modi, ma soprattutto nel modo in cui decide chi dovrebbe essere quello che convalida i blocchi per raccoglierne i frutti per farlo, sia che si tratti di POW che di POS.
Whiteblock ha iniziato a testare la sua copia della blockchain EOS a settembre. I test si sono svolti in un ambiente isolato e sono proseguiti per due mesi.

La conclusione è stata:

“EOS non è una blockchain, piuttosto è un sistema di gestione di database omogeneo distribuito, una chiara distinzione in quanto le loro transazioni non sono convalidate crittograficamente. I produttori di blocchi EOS sono altamente centralizzati e gli utenti possono accedere alla rete solo tramite i produttori di blocchi come intermediari. I produttori di blocchi sono un unico punto di errore per l’intero sistema “.

Sicuramente protrei fermarmi qui per affermare quanto sia oscuro il suo progetto, ma vediamo di capire perchè si è arrivati a questa conclusione.

La promessa EOS

EOS è un progetto relativamente nuovo nello spazio blockchain che mira a migliorare radicalmente  ciò che è oggi sul mercato, ossia Ethereum. Il sistema operativo decentralizzato, come Ethereum, permetterà già agli sviluppatori di creare applicazioni decentralizzate attraverso contratti intelligenti.

Gli esclusivi punti forti di EOS erano e sono che la piattaforma  avrebbe consentito eventualmente applicazioni su scala industriale, attraverso l’eliminazione delle commissioni di transazione e la capacità di supportare milioni di transazioni al secondo. Gli sviluppatori EOS si aspettavano che la piattaforma avrebbe gestito almeno 1000 transazioni al secondo al momento del lancio. Al contrario, Ethereum può attualmente gestire circa 15 transazioni al secondo.

Ovviamente, questo radicale miglioramento nel throughput delle transazioni ha suscitato un ampio interesse in EOS, facendola diventare l’Ethereum Killer ( Lol ).

La società dietro EOS, Block.one, ha raccolto $ 4 miliardi per sviluppare il suo ecosistema attraverso una tattica di raccolta fondi chiamata Initial Coin Offering (ICO). E sono riusciti a farlo senza nemmeno avere un prodotto funzionante … Infatti, quando hanno avviato l’ICO, non avevano nemmeno scritto una singola riga di codice. ( lo sapevi?)

Questo non dovrebbe essere possibile.

Tuttavia, poteva essere in qualche modo giustificato dai miglioramenti radicali che EOS prometteva rispetto ad altre piattaforme di contratti intelligenti e l’hype overal su tali piattaforme fino ad ora.

Ma in che modo EOS mira a mantenere le sue promesse, in primo luogo?

Attraverso un semplice trade-off, ossia EOS diminuisce il suo decentramento per aumentare la scalabilità.

Ma cozza un pò con il concetto di Blockchain dove il decentramento è una delle caratteristiche principali di una buona criptovaluta?

Si..

Detto semplicemente, il decentramento prevede la resistenza alla censura. Questa resistenza alla censura viene raggiunta coinvolgendo una grande quantità di parti nella produzione e nella convalida dei blocchi. Fondamentalmente, più grande è questo insieme di teste, meglio è.

Il problema è che tutte queste parti devono costantemente sincronizzare la loro blockchain l’una con l’altra. Nel caso di piattaforme di contratti intelligenti, ogni creatore di blocchi (qualunque sia il meccanismo di consenso) deve anche eseguire il codice di ogni singolo contratto intelligente. Questo è un processo molto noioso e limita significativamente la capacità complessiva della rete.

L’idea alla base di EOS è che i processi di archiviazione della blockchain, della “propagazione dei blocchi” e dell’esecuzione del codice di contratto intelligente dovrebbero essere gestiti  solo da 21 parti, chiamati Block Propagators (BP).

Questi BP utilizzano hardware ottimizzati e devono solo sincronizzarsi l’un l’altro, invece che con una grande rete. Ciò consente a EOS di avere un output di transazione come nessun’altra blockchain prima di essa (e grazie al c…. aggiungerei in francese)

A parte questo folle traffico di transazioni, EOS promette anche che le transazioni sulla rete saranno completamente gratuite!

Sembra incredibile, vero? Allora, qual è il trucco?

1) Una Nuova Mafia?

Non fraintendermi: credo che il grande pubblico, colui che ancora non ha compreso quanto sia importante la blockchain per la vita di ognuno di noi, sia più interessato alla scalabilità che al decentramento. Progettare un sistema che scambia un po’ l’uno con l’altro non è necessariamente una cattiva scelta progettuale. Tuttavia, deve essere fatto bene.

Dopotutto, se togli la natura decentrata di una blockchain togli l’unica cosa che un blockchain pubblica fa meglio di un database tradizionale: la resistenza alla censura e il controllo su di essa da un’elite, che poi è quello che avviene nel sistema bancario non credi?

Senza la decentralizzazione, non vi è in realtà alcun punto di utilizzo di una blockchain, in quanto si potrebbe anche utilizzare un database tradizionale e servizi di calcolo legacy.

Quindi, 21 BP sono abbastanza per considerare EOS decentralizzata?

Se i produttori di blocchi fossero completamente anonimi e non avessero modo di comunicare tra loro, allora forse. Ma questo non è il caso di EOS.

Innanzitutto, è necessario capire come vengono scelti i BP.

In sostanza, chiunque abbia una EOS può mettere in gioco i propri token per votare per i candidati che desiderano diventare BP. I 21 che vengono eletti in carica possono creare blocchi e, in quanto tali, ricevono anche premi di blocco.

Essere un BP è fantastico. Al momento del lancio di Eos, un BP riceveva 1,64 milioni di dollari in premi di blocco all’anno.

Inoltre, altri + – $ 102 milioni USD sarebbe stato diviso tra i BP in esecuzione nelle elezioni per rapporto dei voti ricevuti. In media, diciamo che un BP veniva premiato con circa $ 2,5 milioni di dollari all’anno. Un ottimo investimento essere BP, non credi?

Ma sorge un pensiero cattivo…e a pensar male non si sbaglia quasi mai.

Potrebbero esistere incentivi per acquistare voti, ad esempio, offrendo tangenti sui premi di blocco a chiunque voti per te. Una volta eletti, tutti i BP vorranno rimanere al potere. Pertanto, vi è un incentivo a mantenere l’ordine stabilito, il che significa che i produttori di blocchi eletti formeranno alleanze per votare l’uno per l’altro.

Una volta formate tali coalizioni, la decentralizzazione della piattaforma EOS non sarà più che un mito. Di conseguenza, la resistenza alla censura sarà inesistente. Le coalizioni possono anche iniziare a estorcere le imprese costruendo su EOS in vari modi. Possiamo immaginare uno scenario in cui le transazioni di un’azienda sono censurate dai cartelli a meno che non si comportino in un certo modo o paghino denaro a BPs.

Ora si potrebbe dire che tale censura danneggerebbe i BP. Ciò porterebbe a una reazione pubblica e successivamente a una diminuzione del prezzo di EOS. Poiché è probabile che i BP siano in possesso di EOS, ciò li danneggerebbe.

Tuttavia, è possibile “nascondere” la censura.

Infatti la semplice censura delle transazioni commerciali non è l’unico modo per danneggiarla. I cartelli BP potrebbero ad esempio rendere più difficile il funzionamento di un’azienda specifica, attraverso piccole modifiche al funzionamento della rete. Dopotutto, le decisioni su ciò che è permesso o no sulla rete sono nelle mani dei cartelli “democraticamente eletti“. (ti ricorda un pò il funzionamento delle agenzie di Rating nel mondo tradizionale? A me si).

Con la censura in modo indiretto e nascosto, ogni possibile reazione pubblica viene ridotta al minimo. Dopo tutto, l’unica cosa che i BP dovranno fare è fornire una spiegazione del perché hanno apportato le modifiche al protocollo. Finché questa giustificazione è abbastanza plausibile da ingannare il pubblico generalmente disinformato, non sapremmo nemmeno se stia avvenendo un’estorsione …

Certo, forse i BP agiranno eticamente e tutte queste sono solo supposizioni e congetture, tuttavia, dover fare affidamento sulle loro promesse per farlo va contro tutto ciò per cui è stata creata per la prima volta la blockchain, non dare all’uomo, unica variabile che può impazzire in un sistema perfetto, la possibilità di prendere decisioni.

2) “Gratis” non è mai realmente gratuito

Mentre EOS vanta le sue transazioni gratuite, ci rimane da chiedersi: se fosse possibile, perché altre cripto  forniscono lo stesso sistema?

Le commissioni di transazione sono generalmente utilizzate per incentivare i creatori / minatori a proteggere la blockchain. Incentivano gli attori a impegnarsi al massimo per convalidare e aggiornare lo stato della blockchain nella speranza di essere premiati per questa opera che è anche costosa, o danneggiarli se vogliono fare i “Furbi“.

Ogni blockchain decentralizzata ha bisogno di tali incentivi.

L’unica cosa diversa di EOS è che questi incentivi sono creati dai premi dati ai BP che ho descritto sopra. Le monete coniate per questo ammonteranno ad un tasso di inflazione totale del 5% su base annua.

Quindi, certo, non devo pagare una tassa di transazione quando invio denaro. Tuttavia, queste tasse sono solo nascoste in quanto sono contabilizzate nei premi ai BP.

Invece di chiamare gratuitamente le transazioni, sarebbe più esatto dire che le mie spese di transazione sono imposte a chiunque possieda qualsiasi EOS, sotto forma di inflazione.

Altre bandiere rosse

L’ICO EOS è stata aperta agli investitori per 12 mesi.

Tuttavia, i fondi pagati non erano in lock-up (il periodo di tempo nel quale è proibito al management e ad importanti investitori la vendita delle proprie azioni)  e i mercati secondari per EOS sono stati aperti con elevata liquidità.

Pertanto, ragionando da uomo medio e speculatore ardito, il seguente scenario era una possibilità per Block.One:

Di avere persone che acquistavano EOS → Utilizzare i loro fondi per acquistare EOS nella propria ICO → Avere sia i fondi che EOS → Ripeti → Guardare l’aumento del prezzo di EOS dato che sembra che l’interesse per la tua ICO sia gigantesco → Iniziare a vendere la tua parte di EOS gratuita sui mercati secondari → Fare profitto.

Dan Larimer, la mente dietro EOS, ha una storia piuttosto discutibile.

Sebbene sia un grande sviluppatore e innovatore, in precedenza aveva creato progetti blockchain come Bitshares e Steem, ci sono alcune storie che lo mettono in cattiva luce.

È anche vero che bisogna dare la seconda o terza possibilità alle persone per riscattarsi, ma mio nonno diceva:

Chi nasce rotondo non può morire quadrato

Prendiamo ad esempio le storie di lui che imbroglia durante i primi giorni del mining di Steemit.

Inoltre, come ha detto l’ex collega Charles Hoskinson:

“Larimer non ha ancora finito un progetto.” Nel frattempo però è diventato ricco sfondato.

Il Contratto di acquisto di token EOS afferma sostanzialmente che i token EOS sono assolutamente inutili e non forniscono alcun diritto all’acquirente.

Ciò solleva sicuramente alcune preoccupazioni.

Tuttavia, è molto probabile che nell’accordo Block.One si sia distanziato completamente dallo sviluppo della piattaforma stessa.

La sicurezza è l’elemento più importante di qualsiasi progetto blockchain.

Il fatto che i sistemi interni di Block.One siano stati violati durante la sua ICO, portando a milioni di fondi degli investitori rubati dai phisher, non garantisce molta fiducia nelle capacità dell’azienda di realizzare sistemi sicuri.

Continuando sul tema della sicurezza, Block.One annunciò una taglia di $ 10.000 per ogni bug trovato nel suo software. Nel giro di una settimana, un singolo ricercatore di sicurezza è stato in grado di accumulare $ 120.000 trovando e segnalando bug.

Naturalmente non sto dicendo che i bug bounty sono una brutta cosa e mi rendo conto che qualsiasi software avrà qualche bug, ma questo sembra un po ‘troppo facile.

EOS ha scritto una “costituzione“, che è un insieme vincolante di regole per tutti coloro che utilizzano la rete.

Non approfondirò questo concetto rivoluzionario, che non è assolutamente simile ai termini e alle condizioni generali. Tuttavia, è così evidente che non è stato scritto da qualcuno con una preparazione legale. In effetti, è piuttosto divertente. Credo fermamente che la mancanza di pensiero che è stato inserito in questa costituzione sia un’enorme opportunità mancata. Una combinazione di una serie di regole chiare e solidi rimedi giuridici contro i BP collusivi sarebbe stato un meccanismo troppo dannoso per ridurre gli incentivi dei BP a colludere, infatti mancano proprio.

Lo stato attuale di EOS

I BP EOS hanno votato per lanciare la rete con una decisione dei BP di rilasciare nuovi token EOS, che è apparentemente per la RAM necessaria per creare i conti. Questo è assolutamente divertente, in quanto è una perfetta illustrazione di cosa c’è di sbagliato in EOS. Nessuna comunità di criptovaluta è in grado di cambiare la quantità totale di gettoni. Dopotutto, una fornitura fissa e prevedibile di token è l’unica cosa che fornisce un valore criptato.

In effetti, sembra che la prima decisione dei BP di EOS abbia mai creato un precedente per rompere questa regola fondamentale.

 

Dal lancio della rete, è successo molto. In primo luogo, come ho previsto, non abbiamo visto alcun cambiamento nei BP, con tutti i BP che mantengono la loro posizione come BP.

In secondo luogo, la censura delle transazioni su EOS è già iniziata. Il “EOS Core Arbitration Forum” (ECAF), un partito centralizzato di recente costituzione, ha ordinato a tutti i produttori di blocchi di congelare 27 account sulla rete. Lo hanno fatto mentre dicevano “La logica e il ragionamento per questo Ordine saranno pubblicati in un secondo momento”. L’ordine è stato dato da un ragazzo di nome Sam Sapoznik  senza domande da parte dei BP. ( a pensare male potrei dire che sapevano già)

Questo dimostra che non ha senso usare EOS, poiché è inutile usare una blockchain senza le sue qualità di resistenza alla censura.

Infine, sono stati aggiunti alcuni nuovi articoli allo statuto EOS (senza alcun processo decisionale decentralizzato). Ciò è stato fatto per dare all’ECAF e alla sua discrezione infinita la possibilità di prendere decisioni vincolanti in un certo grado di legittimità. Quindi sì, la censura è “costituzionale” ora.

In conclusione Eos non è una blockchain, è un servizio di cloud computing fatto bene e molto sponsorizzato, ma non confonderei la Blockchain con il Cloud Computing.

La ricerca di Whiteblock ha continuamente evidenziato le somiglianze architettoniche tra il sistema Bitshares di Dan Larimer e EOS – in particolare la possibilità di ripristinare lo stato e apportare modifiche al blocco genesis.

Whiteblock ha pubblicato lo studio, che include un rappresentazione approfondita della sua metodologia insieme a risultati dei test dettagliati. È possibile accedere al rapporto completo da questo link.

Per coloro che rimangono non convinti, l’azienda dichiara anche che realizzerà i test del benchmark di EOS a novembre, siamo in attesa, ma in questo momento Eos ha molti punti oscuri.

Se hai trovato altre bandiere rosse, fammi sapere – Sarei lieto di aggiungerle. Mi piacerebbe anche ricevere qualsiasi confutazione dei punti formulati in questo articolo e lo regolerò di conseguenza.

Impegno per la trasparenza: l'autore di questo articolo ha investito e / o ha un interesse in uno o più beni discussi in questo post. Lorenzograssia.com non avalla alcun progetto o risorsa che potrebbe essere menzionata o collegata in questo articolo. Ti preghiamo di tenerne conto quando valuti il contenuto di questo articolo.
Disclaimer: le opinioni sono esclusivamente personali. Nessuna delle informazioni che si leggono sul lorenzograssia.com deve essere presa come consiglio di investimento, né lorenzograssia.com approva alcun progetto che possa essere menzionato o collegato in questo articolo. Comprare e scambiare criptovalute dovrebbe essere considerato un'attività ad alto rischio. Ti preghiamo di fare la tua dovuta diligence prima di intraprendere qualsiasi azione relativa ai contenuti di questo articolo. Infine, lorenzograssia.com non si assume alcuna responsabilità in caso di perdita di denaro nel commercio di criptovalute.

 

Abbiamo portato il mining ad un livello superiore a cui tutti possono accedere con semplicità e grandi vantaggi. 🔝Grazie a SWAG anche tu puoi unirti ed essere un miner a tutti gli effetti. ⛏⛏⛏

Scopri come essere tra i primi

👉🏻CLICCA QUI PER INFO👈🏻

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.