Russia e Venezuela in prima linea per abbandonare il dollaro

Venezuela e Russia sono in trattative per abbandonare l’uso dei dollari USA nelle loro transazioni e sostituire questa valuta con Rubli e Petros?

Ho già parlato del fatto che gli Usa favoriranno la mass adoption delle crypto?

Si, e se non hai letto ciò che penso puoi farlo da qui.

In questi mesi molto turbolenti per le politiche monetarie mondiali, stiamo assistendo a qualcosa di già previsto negli annali dell’economia, il ribaltamento totale dei domini modiali, che vedono l”Impero Orientale” come prossimo punto di riferimento per l’intera economia mondiale.

In questi anni gli Usa hanno spadroneggiato nel mondo con la loro (S)valuta Fiat, accaparrandosi uno degli asset più importanti a livello globale, il petrolio.

Mesi addietro Maduro, presidente del Venezuela ha fatto il primo passo per combattere gli USA con la loro stessa “moneta“, creando la propria criptovaluta il Petro e cercando di legarla al petrolio, vera ricchezza del popolo venezuelano ma che negli anni si è vista rubare tutto dai dazi e dalle imposizioni del “vero” padrone di quel petrolio, gli USA.

PS: Non credo che il Petro sia la soluzione per il popolo venezuelano, ma un ottimo strumento che ha Maduro per combattere gli USA senza l’uso delle ARMI, infatti il popolo venezuelano sta superando questi mesi tristissimi con l’ausilio di Bitcoin e di altre cripto decentralizzate, e anche con il petro.

La notizia ha suscitato molto clamore a livello globale e il mainstream ha iniziato ad attaccare la Politica di Maduro, che indubbiamente non è neanche lui uno stinco di santo, facendolo passare per Dittatore efferato e affamatore di popolo.

Ultimamente si sta cercando di far passare come lecite le azione che gli USA stanno attuando in Venezuela, ossia cercare di mettere a capo del governo un loro uomo, e come al solito farsi passare come veri paladini della democrazia , così come lo sono stati per Iraq, Afganistan, Siria e l’elenco può continuare per molte pagine, ma se fai una ricerca ben approfondita, ti renderai conto che gli USA si accorgono dei dittatori solo in paesi che posseggono Petrolio, Oro e Gas, chissà come mai? E se fai una buona ricerca ti renderai conto che quei paesi sopra elencati, prima della “democrazia americana” vivevano e prolificavano e oggi sono solo macerie.

Ma il giochino si sta spezzando, e le coscienze si stanno risvegliando, il mondo si sta rendendo conto della vera politica monetaria imposta dagli USA a livello globale, e sarà solo questione di tempo perchè gli USA vengano messi da parte nelle economie globali.

Ron Paul è forse uno dei pochi politici americani che ha portato la sua critica del sistema economico a livelli controversi.

Per l’ex membro del Congresso, la Federal Reserve è stata la causa di molte delle distorsioni economiche manipolando l’intero sistema monetario degli Stati Uniti per soddisfare gli interessi dei proprietari di banche private.

Paul ha anche dichiarato su Twitter: 

“ La Fed non ha IDEA quali dovrebbero essere le tariffe. La Fed manipola i prezzi, distorce l’economia e prende decisioni guardando i “dati” di un’economia distorta. La pianificazione centrale produce un mondo di delusioni economiche. L’America ha bisogno di tornare alla realtà “

La Criptovaluta può porre fine alla “follia monetaria” americana!

Mentre l’uso del denaro fiat dà troppa potenza ai politici, le criptovalute sono un potente strumento per ripotare quel potere alla gente, ecco il vero “problema” delle criptovalute decentralizzate.

Mesi addietro secondo un articolo pubblicato dal portale di notizie russo Ria Novosti, la Russia non stava tenendo discussioni formali con il Venezuela e non avrebbero dato alcuna indicazione su una futura accettazione di Petro come criptovaluta comunemente usata nel commercio internazionale.

Parlando alla stampa russa, Sergey Storchak, vice ministro delle finanze Russo, aveva dichiarato:

“I rappresentanti del nostro servizio fiscale, la Banca centrale, sono a conoscenza della criptovaluta, che loro (Venezuela – ndr) stanno introducendo. Ma non di più. Per quanto riguarda i calcoli, non esiste ancora una cosa del genere “

La Russia e il Venezuela però hanno rafforzato le loro relazioni diplomatiche negli ultimi anni. Secondo un rapporto della rivista Time, il governo russo avrebbe potuto aiutare segretamente il paese socialista a sviluppare il suo progetto di criptovaluta. Tuttavia, questo non implicava che avessero acconsentito di accettarlo come sostituto della moneta fiat tradizionale al momento.

E ricordiamo anche che Maduro ha chiesto e ottenuto prestiti da Cina e Russia. 

Secondo un articolo pubblicato dal portale di notizie russo RT, Jorge Valero, un rappresentante del paese sudamericano presso le Nazioni Unite ha condiviso la notizia esprimendo che stanno cercando di sviluppare alternative di pagamento più efficaci e senza attrito, così come sta facendo il Venezuela.

Le criptovalute possono essere utilizzate per bilanciare l’equazione geopolitica?

Le sanzioni imposte dagli Stati Uniti contro il Venezuela hanno costretto il governo a cercare di ottenere mezzi alternativi di finanziamento per acquisire prodotti essenziali per i venezuelani. Il Venezuela praticamente importa la maggior parte dei prodotti che consuma e dipende quasi esclusivamente dalla vendita di petrolio per far progredire la sua economia.

Nonostante abbia una politica un pò sbagliata riguardo alle criptovalute, il governo sembra vedere queste tecnologie come un modo per sfuggire alla manipolazione e al controllo che le terze parti esercitano sui propri fondi.

Il Petro Resiste alla morte

Di fronte a queste intenzioni (che presto sono diventate realtà), lo stato non solo ha creato il Petro ma ha reso legale la crittografia (almeno in teoria) con una legge che ha promosso l’uso di altre crypto come meccanismi di pagamento legali.

Hanno anche sviluppato un sistema di risparmio in Petros, ancorando il Petro al valore di un paniere di materie prime e sebbene non sia ancora stato adottato a livello globale, il paese ha annunciato le sue intenzioni di creare uno stablecoin simile e supportato in oro .

Secondo Valero, “Caracas conta sul sostegno del Cremlino nella ristrutturazione del debito estero del Venezuela”.

Sebbene non sia stata ottenuta alcuna conferma da parte del governo russo della sua intenzione di accettare Petros in questo momento il paese vende ufficialmente Petros a chi è interessato a pagare con Bolivars, Bitcoin, DASH e Litecoins. Inoltre, può essere scambiato su scambi locali come Amberes, Bancar e Cryptia.

Il caso Venezuela è solo quello più eclatante che si discute da più tempo e su cui il mainstream sta facendo il suo mestiere da crumiro, ma l’Iran che è anche uno dei paesi ambiti dagli USA, che sta già lavorando da tempo alla propria Blockchain Statale .

Di sicuro l’andamento delle criptovalute, il lor prezzo e il loro sviluppo sono direttamente correlate all’andamento dell’economia globale e soprattutto alla geopolitica che si sta trasformando sotto gli occhi di tutti.

Ma ricorda che solo le blockchain decentralizzate potranno davvero liberare il mondo dalla schiavitù economica che è stata imposta da secoli, tutto il resto potrebbe solo essere un’arma ancora più potente per il controllo totale delle masse, quindi studia e decentralizzati.

Disclaimer: le opinioni sono esclusivamente personali. Nessuna delle informazioni che si leggono sul lorenzograssia.com deve essere presa come consiglio di investimento, né lorenzograssia.com approva alcun progetto che possa essere menzionato o collegato in questo articolo. Comprare e scambiare criptovalute dovrebbe essere considerato un'attività ad alto rischio. Ti preghiamo di fare la tua dovuta diligence prima di intraprendere qualsiasi azione relativa ai contenuti di questo articolo. Infine, lorenzograssia.com non si assume alcuna responsabilità in caso di perdita di denaro nel commercio di criptovalute.

Abbiamo portato il mining ad un livello superiore a cui tutti possono accedere con semplicità e grandi vantaggi. 🔝Grazie a SWAG anche tu puoi unirti ed essere un miner a tutti gli effetti. ⛏⛏⛏

Scopri come essere tra i primi

👉🏻CLICCA QUI PER INFO👈🏻

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.